Cresce la voglia di spendere delle famiglie italiane

0
217

Outlook trimestrale sui consumi Censis. Confcommercio

Cresce la voglia di spendere delle famiglie italianeL’andamento dei consumi nell’ultimo trimestre del 2006 e le previsioni per i primi mesi del 2007 confermano l’onda lunga della “ripresina”. Questo il dato rilevato dall’Outlook sui consumi Censis-Confcommercio. Un 30% di famiglie prevede di incrementare i propri livelli di consumo nei primi mesi del 2007 e saranno gli articoli di arredamento, elettrodomestici, prodotti tecnologici e personal computer le principali voci a determinare un incremento nelle spese complessive. Migliora, dunque, il clima di fiducia, in particolare nelle regioni del Nord-est e in quelle del Centro. Gli indicatori di sintesi relativi all’andamento dei consumi nel quarto trimestre del 2006 e alle previsioni per i primi mesi del 2007, comunque, denotano incrementi molto contenuti, specie per ciò che concerne la spesa in valore delle famiglie, ma la spinta a consumi un pò più consistenti di quanto si rilevava solo un anno fa è evidente. Alla fine del 2005, infatti, solo il 25,5% delle famiglie contattate aveva ind icato un incremento delle spese per consumi, mentre al termine del 2006 tale percentuale è salita al 33,5%. Parallelamente, nell’ultima parte del 2005. l’indicatore sintetico Censis-Confcommercio sulla capacità di consumo era pari a 2,53, contro un valore pari a 2,79 a fine 2006, un salto che sta a significare un atteggiamento meno prudente dei comportamenti di spesa. Per ciò che riguarda le previsioni di consumo e risparmio, quasi il 60% delle famiglie prevede di mantenere stabili i livelli di spesa nei primi mesi del 2007 e il 29,6% di incrementarli, percentuali molto simili a quelle registrate nel terzo trimestre del 2006. Tuttavia, risultano abbastanza consistenti le quote di chi prevede di effettuare nuove spese in abbigliamento e calzature (quasi il 70% del campione, favorito anche dalla possibilità di approfittare dei saldi di fine stagione), per il benessere (34,2%) e per l’attività sportiva (24,3%); ma le voci che, probabilmente, determineranno un ulteriore incremento in valore delle spese complessive sarà rappresentato da nuovi articoli di arredamento (11%), nuovi elettrodomestici e prodotti tecnologici (9,5%). Nel complesso, anche se è ipotizzabile un ulteriore lieve incremento delle spese complessive in valore delle famiglie rispetto al terzo e al quarto trimestre del 2006, non è ravvisabile un aumento che può definirsi consistente. In merito alla percezione del futuro, aumenta la quota di ottimisti che, nell’ultimo trimestre del 2006, ha registrato un livello del 52,2% contro il 44,8% del trimestre precedente. Ma da un punto di vista territoriale emergono alcune differenze: le aree in cui, nell’ultimo trimestre del 2006, rispetto al trimestre precedente, si è registrata una maggiore tonicità dei consumi e cioè il Nord-ovest e il Sud, non registrano un’analoga tendenza per quanto riguarda l’ottimismo verso il futuro che, invece, caratterizza maggiormente le famiglie del Centro e del Nord-est.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here